Curiosità

La top 5 delle mete pasquali per famiglie in Italia

Quali sono le mete pasquali preferite per le famiglie italiane, specialmente per chi ha bambini?

Memori dei detti “Aprile non ti scoprire” e “Pasqua con chi vuoi” sappiamo che il periodo delle vacanze pasquali non permette ancora di sfidare troppo il meteo. Le temperature sono miti ma non adatte ai bagni in mare, la neve si è quasi tutta sciolta e potrebbe esserci un forte rischio di piogge.

Vacanze pasquali per famiglie con bambini, dove andare?

Alle famiglie con bambini che durante la Pasqua vogliono rompere la routine e concedersi un viaggio a corto raggio in Italia ci sentiamo quindi di consigliare un soggiorno in una grande città, di cui il nostro Bel Paese è ricchissimo, o di recarsi presso qualche parco tematico. Per chi arriva a destinazione in treno o in aereo consigliamo di cominciare già a controllare le tariffe delle auto a noleggio per potersi muovere in modo agevole e costruirsi dei piccoli itinerari che permettano di raggiungere anche posti più laboriosi da raggiungere con i mezzi pubblici.

A tale proposito vi segnaliamo il portale di Auto Europe dove andrete a colpo sicuro confrontando le migliori offerte di noleggio auto low cost, solo presso compagnie affidabili e affermate sul mercato. Poter partire subito dopo l’arrivo garantisce un inizio di vacanza con il piede giusto

I parchi tematici

Cominciando dai parchi tematici il più famoso e gettonato in Italia è senza dubbio Gardaland che vi proponiamo in cima alla classifica perché per i figli è un autentico paradiso, mentre i genitori possono combinare un soggiorno esplorativo di tutta la zona del Lago di Garda. La posizione è estremamente strategica al centro della Pianura Padana e vicino a molti aeroporti. È stato inaugurato nel 1975 e rimane fra i più frequentati sia in Europa che nel mondo.

parco acquatico LegoLand

Il successo è garantito da un concept molto articolato: non vi sono solo attrazioni di prima classe incentrate soprattutto sull’acqua, fra cui il parco acquatico LEGOLAND® e l’acquario SEA LIFE, ma è anche possibile pernottare in loco con la scelta fra ben tre hotel.

L’attenzione ai particolari è altissima per garantire il massimo intrattenimento a ogni fascia di età. Prezzemolo, Peppa Pig e tante giostre multicolore fanno sentire a casa i più piccoli, mentre i più grandi possono lanciarsi all’avventura giocando ai pirati, agli esploratori, ai supereroi o sfidando la gravità su giostre che richiedono sprezzo del pericolo.

Riguardo ai biglietti controllate sul sito i vari abbonamenti e le soluzioni per famiglie che permettono di risparmiare e prevedono sconti su consumazioni, gadget e pernottamenti in hotel. Potete ad esempio trascorrere una notte nel parco per avere più tempo di provare tutte le stazioni, e le notti seguenti spostarvi in una delle amene località in riva al Lago di Garda come Bardolino, Lazise o Sirmione. Per chi non è mai stato a Verona, a soli 30 minuti di auto, una gita a vedere la famosissima Arena e il balcone di Giulietta è poi assolutamente un obbligo, da coronare con un aperitivo nell’elegante Piazza delle Erbe.

Altre principali destinazioni

Torino

Passiamo adesso alle prossime quattro posizioni della classifica, tutte occupate da grandi capoluoghi di regione. La più interessante e a misura di bambino delle tre risulta Torino. Qui infatti oltre alla classica passeggiata in centro sorvegliati dalla maestosa Mole Antonelliana ci sono svariati musei interessanti per bambini piccoli e anche per i più grandicelli. Vero fiore all’occhiello è il Museo Egizio dove, in compagnia dei vostri figli, potrete tornare indietro nel tempo all’epoca dei grandi faraoni.

Secondo per ricchezza di reperti solo al Museo Egizio del Cairo, rimane comunque il più antico al mondo incentrato su questa civiltà e il suo nucleo originario risale agli inizi dell’Ottocento. Vi sono visite guidate pensate appositamente per famiglie o anche visite tematiche più coinvolgenti.

Finito con la “lezione di storia” potete fare un salto in avanti nella linea del tempo e recarvi al MAUTO, lo storico Museo dell’Automobile aperto nel 1960 in zona Lingotto, e non a caso nella città natale della FIAT. Consta di una collezione fissa e di esibizioni temporanee con mezzi provenienti da tutto il mondo e di case produttrici diverse per ripercorre la storia dell’automobile nella sua interezza. Al Museo della Lavazza, anch’essa azienda dell’eccellenza torinese, i bambini potranno invece immergersi nell’universo del caffè, dalla piantagione alla fabbrica fino alla tavola, accompagnati dai simpatici testimonial Carmencita e Caballero. Riusciranno così a capire ancora meglio la centralità del caffè per la cultura italiana, che non lo considera una mera bevanda ma un vero rito. I genitori verranno premiati a fine giro con una Coffee Experience curata nei minimi dettagli.

Genova

Il terzo posto se lo guadagna Genova grazie al suo Acquario che è il più grande d’Europa e uno dei maggiori al mondo. La posizione è estremamente scenografica, affacciata sul Porto Antico di Genova, e l’edificio non poteva non essere progettato dall’illustre architetto genovese Renzo Piano. Conviene prenotare in anticipo e si può scegliere fra il biglietto “solo acquario” o quello “pianeta acquario” che comprende anche l’ingresso alla Biosfera e all’ascensore panoramico Bigo.

acquario di Genova

Fra gli highlight ci sono i pinguini, una vasca con l’acqua bassa dove si possono accarezzare le razze, una vasca dedicata ai predatori, e moltissime altre specie. Informatevi sugli orari in cui gli animali vengono nutriti così da farvi assistere i vostri figli. Finita la visita all’Acquario potete entrare nella Biosfera, una sfera in vetro e metallo dove è stato ricreato un ambiente tropicale.

È giunto finalmente il momento di godersi un aperitivo in uno dei bar in riva al mare. Per cena cercate un “torte e farinata”, tipiche trattorie specializzate in cucina locale che servono pasta al pesto, focaccia, torte salate a base di verdure, farinata e altre leccornie. Trascorrete una notte in città così il giorno seguente potete passeggiare nella zona molto verace di Sottoripa, a ridosso del Porto Antico, per poi inoltrarvi nei vicoli del centro storico detti “caruggi”, fra cui vi è la celebre Via del Campo cantata dal genovese De André.

Usciti dai vicoli fermatevi ad ammirare la Chiesa di San Lorenzo con facciata policroma in ardesia e marmo e poi salite fino alla Piazza De Ferrari, il classico punto di incontro dei genovesi. Vi si affaccia il possente Palazzo Ducale che ospita mostre sempre molto interessanti e al centro c’è un’enorme fontana circolare.

Altra attività che potrebbe piacere molto ai bambini è prendere la funicolare Zecca-Righi che porta sulle alture del Righi da cui si gode una stupenda panoramica su tutta la città. Per completare la vostra esperienza ligure dovete però ancora spostarvi lungo Riviera per godere appieno degli stupendi paesaggi costieri.

Secondo noi dovreste dirigervi verso la Riviera di Levante, più autentica, dove si possono fare delle brevi soste a Camogli, paese di pescatori con case coloratissime, e poi nell’elegante Portofino in prossimità della Punta Chiappa. Un’idea per una gita è imbarcarsi su uno dei battelli turistici che collegano proprio questi due luoghi e altre località della Riviera di Levante.

Chi preferisce un’esperienza più naturalistica e sportiva può effettuare un’escursione nel Parco di Portofino, che si estende su tutto il promontorio omonimo. Proseguendo verso La Spezia si giunge poi alle celebri Cinque Terre. A Pasqua questi cinque villaggi direttamente sul mare, raggiungibili solo in treno e quindi molto intatti, sono molto affollati da turisti da tutto il mondo, ma questo è proprio il periodo migliore per visitarli. Pernottate in un bed & breakfast o in un hotel così da potervi rilassare in questa porzione di mondo davvero speciale. Per dare un’idea ai vostri figli di dove li state portando potete fargli vedere il film della Pixar “Luca”, ambientato proprio in queste zone.

Napoli

Al numero quattro ecco Napoli, una delle città più belle e vive del Sud Italia con accanto i gioielli archeologici di Pompei ed Ercolano, ma anche patria della pizza che – si sa – è una delle pietanze preferite dai bambini. Napoli è una città piuttosto caotica ma l’offerta per le famiglie è ricca.

Si presenta con un centro elegante in cui si può fare del buono shopping e una zona di vicoli in cui vi è la Via di San Gregorio Armeno dove sia grandi che piccini restano ammaliati nel vedere le statue del presepe intagliate a mano e fatte con estrema originalità. Dietro l’angolo c’è anche un posto davvero magico e unico nel suo genere, ovvero l’Ospedale delle Bambole, una bottega di riparazione dei giocattoli “feriti”, con un museo annesso dove sono esposti pezzi di giocattoli, ognuno con una storia tutta sua.

A seconda degli interessi dei vostri piccoli, potrete inserire nel programma una visita allo zoo, nel quartiere di Fuorigrotta a ovest del centro, oppure alla Città della Scienza. Quest’ultima si trova a Bagnoli e offre uno spazio interattivo per veicolare le conoscenze in maniera semplice e divertente ai giovani. L’attrazione maggiore è il Planetario in 3D ma ci sono anche mostre tematiche su temi attuali. Tornando a Pompei ed Ercolano, una gita presso questi scavi è davvero d’obbligo.

Trattandosi di musei a cielo aperto, la visita è anche molto più rilassata e motivante per i bambini rispetto a uno spazio chiuso. Una volta entrati ci si ritrova letteralmente catapultati all’epoca della devastante eruzione del Vesuvio, provare per credere. Strade lastricate, abitazioni con pavimenti mosaicati, il foro, un’esperienza davvero totalizzante e altamente istruttiva. Pompei è più famosa e molto più estesa, ma Ercolano sebbene di minori dimensioni risulta meglio conservata. A voi la scelta se non riuscite a recarvi presso entrambe.

Roma

Tutte le strade portano a Roma, e per questo in quinta posizione non poteva non esserci la capitale d’Italia. Roma, oltre che bellissima, è piena di angoli pittoreschi e straboccante di storia e di attrazioni. Quattro o cinque giorni permettono di vedere molto, ma potrebbero però non essere abbastanza se ci si lascia rapire dal suo fascino.

Appuntatevi le cose che non siete riusciti a fare per un successivo week-end lungo. La visita all’emblema di Roma, ovvero il Colosseo, non conosce età e lascia tutti a bocca aperta. La passeggiata storica continua nei vicini Fori Imperiali e termina al Campidoglio con il Palazzo Senatorio (municipio) e la statua della Lupa Capitolina che allatta Romolo e Remo, altro simbolo della città. Ci sono poi dei luoghi che non si possono tralasciare come Piazza Navona, Piazza del Popolo, il mercato di Campo de’ Fiori e la Piazza San Pietro. La sera consigliamo di prendere un aperitivo o di prenotare in un bel ristorantino nel quartiere di Trastevere che sembra uscito da una cartolina.

Per offrire un break ai vostri figli potete farli scatenare all’EurPark, che come suggerisce il nome si trova nel quartiere dell’EUR. Qui potranno arrampicarsi e cimentarsi in percorsi di varia difficoltà sospesi fra gli alberi. Nell’Aera Energy vi è un’ampia offerta di attività sportive all’aperto, anche molto originali, come il calcio saponato, un percorso di allenamento per marines, tiro con l’arco, surf skate e molto altro. Se sono invece stanchi di muoversi potete portarli al Time Elevator, nei pressi del Pantheon, dove potranno viaggiare ma da seduti e con un paio di occhiali stereoscopici in “3D”.

Si può scegliere fra storia di Roma, la nascita della vita e per i più grandi la casa del terrore. Termina qui la nostra hit parade delle destinazioni adatte alle famiglie nel breve periodo di vacanze pasquali. Speriamo di esservi stati d’aiuto così potete già prenotare voli, alloggi e soprattutto la macchina a noleggio perché altrimenti si rischia che la disponibilità diminuisca e i prezzi salgano.

Articoli simili

Guarda anche
Close
Back to top button