Newsletter
Iscrizione Newsletter

L'iscrizione alla newsletter permette di ricevere importanti informazioni sulle tematiche e gli sviluppi del sito.
Le nostre news non sono invasive e vi potete cancellare in ogni momento con un semplice click.

Come avviare un bed and breakfast

Il Bed and Breakfast in Italia è in costante evoluzione. Il trend delle nuove aperture e delle richieste è sempre in crescita, nonostante la crisi che ha investito anche il settore turistico italiano.

Il bed and breakfast permette anche a chi ha mezzi economici ridotti di viaggiare o di viaggiare più a lungo. Senza contare che, sempre piú persone avvertono durante il viaggio l’esigenza di instaurare rapporti umani genuini e di entrare in contatto con lo stile di vita della terra ospitante.

Il B&B permette, quindi, grazie alla sua notevole economicità, vacanze più lunghe e accessibili a tutti, ma soprattutto, vista l'esiguità dei costi di gestione (trattasi di attività, prevalentemente, famigliare) consente l'offerta di ospitalità anche in località ove risulta poco conveniente l'apertura di una struttura ricettiva più complessa, come può essere un hotel o una semplice pensione.

La normativa di riferimento

Per aprire un'attività di B&B bisogna, anzitutto, avere la residenza nell'abitazione in cui si intende operare.

Le leggi, naturalmente, variano da regione a regione, ma tutte si rifanno alla legge nazionale, la Legge 29 marzo 2001, n. 135, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 92 del 20 aprile 2001.

Requisiti minimi

  • 8 mq per la singola;
  • 14 mq per la doppia;
  • conformità alle norme di sicurezza di impianti elettrici, a gas, riscaldamento;
  • rispetto dellle norme igieniche ed edilizie.

L'alloggio deve possedere un massimo di 3 camere (Emilia Romagna e Abruzzo ne prevedono 4, la Sicilia 5) arredate con letto, comodini, armadio, lampade, sedie e cestino gettacarte, per un massimo di 6 posti letto (ma anche qui varia a seconda della regione. Ad esempio nel Lazio sono 6, in Sicilia si possono avere fino a 20 posti letto, mentre nel Veneto il numero massimo di posti non è nemmeno determinato nel suo massimo).

NB: Tutti i requisiti possono subire variazioni da una regione all’altra. E' quindi opportuno accertarsi dei dettagli consultando la legge in materia della propria regione (elencate comodamente qui sotto)


Aspetti fiscali e incombenze generali

Non risulta necessario l'apertura della partita IVA e, quindi, e quindi non si dovrà rilasciare alcun documento fiscale all'atto del pagamento.nel caso di saltuaria attività. Una attività rispetta i principi di saltuarietà, se è prevista un'interruzione di almeno 90 giorni, anche non consecutivi, nel corso dell'anno (in alcune regione si può optare per un numero massimo di pernottamenti).

L'apertura di un B&B è un’operazione, burocraticamente, semplice: è sufficiente recarsi presso l'Ufficio Turistico del proprio Comune di residenza (APT o IAT locale) e fare denuncia di inizio attività (DIA), comunicando i prezzi che si intendono praticare, i quali, con tanto di timbro del Comune, andranno poi affissi dietro alla porta della camera degli ospiti.


Legge Nazionale sulla Disciplina del Bed and Breakfast
LEGGE 135 del 29 marzo 2001

Legge Regionale Abruzzo Legge Regionale Molise

Legge Regionale Basilicata Legge regionale Piemonte
Legge Regionale Calabria
Legge Regionale Puglia
Legge Regionale Campania
Legge Regionale Sardegna
Legge Regionale Emilia Romagna Legge Regionale Sicilia
Legge Regionale Friuli Venezia Giulia Legge Regionale Toscana
Legge Regionale Lazio Legge Regionale Umbria
Legge Regionale Liguria Legge Regionale Valle d'Aosta
Legge Regionale Lombardia Legge regionale Veneto
Legge regionale Marche Legge Provinciale Trento

Copyright © 2012 - Tutti i diritti riservati

Turismo-oggi.com - P.Iva 01419730559 - Informativa-Cookie